Presentazione di Welfare 24

La parola al presidente Assidai, Tiziano Neviani

Il “federalismo” sanitario, sempre più penalizzante per i cittadini di alcune regioni italiane, le condizioni di salute degli italiani (confrontate con quelle dei nostri “coinquilini” europei”), e la prestigiosa certificazione di rinnovo dell’iscrizione di Assidai all’Anagrafe dei Fondi Sanitari, inviata dal Ministero della Salute.

Questi e altri sono i temi di Welfare 24 di ottobre, che presenta anche un’interessante inchiesta sul funzionamento dei Sistemi sanitari nei cinque continenti. Un semplice confronto, quest’ultimo, che induce a valutazioni ben più ampie – in prospettiva futura – sull’importanza del ruolo di Assidai come fondo integrativo e/o sostitutivo nel contesto di un sistema sanitario italiano sempre più sofferente dal punto di vista della sostenibilità finanziaria.
Del resto, i numeri dell’ultimo Osservatorio Civico promosso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato sono lì a dimostrarlo con un’impressionante forbice, tra le varie regioni italiane, su tempi di attesa degli esami, ticket e molto altro.
L’Italia, come sottolinea nel suo intervento il presidente di Federmanager, Stefano Cuzzilla, entro tre anni avrà più anziani che bambini: un motivo in più per agire sulla prevenzione, a 360 gradi.

 

Assidai ha debuttato alla prevenzione di “Tennis & Friends”

Il Fondo è stato presente all’evento che si è svolto il 7-8 ottobre 2017 al Foro Italico di Roma. L’obiettivo della manifestazione è salvaguardare la salute del cittadino incentivando la prevenzione e contribuendo così alla riduzione delle spese del servizio sanitario nazionale.

Assidai ha partecipato alla settima edizione di “Tennis & Friends” che si è svolta sabato 7 e domenica 8 ottobre al Foro Italico di Roma, dalle ore 10.00 alle 18.00, con oltre 18mila metri quadri di Villaggio della Salute.

L’evento, nato nel 2011 su iniziativa di FRIENDS FOR HEALTH Onlus, unisce 4S: Salute, Solidarietà, Sport e Spettacolo ed è diventato un appuntamento molto atteso – al quale Assidai è stato presente per la prima volta – poiché permette a un vasto pubblico di approfittare di due giornate di prevenzione gratuita in collaborazione con lo staff sanitario della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Inoltre, nel corso della manifestazione, personaggi dello spettacolo e dello sport si sono sfidati nel torneo di Tennis Celebrity.

L’obiettivo primario di Tennis & Friends – che si tiene anche a maggio durante gli Internazionali di tennis di Roma – è la diffusione della cultura della prevenzione: nelle ultime 6 edizioni e 5 special events sono stati effettuati oltre 28.000 check-up gratuiti. Soltanto l’anno scorso hanno partecipato all’evento più di 20mila persone, accolte da 44 postazioni mediche (di cui 15 del Ministero della Salute), 24 postazioni ecografiche e 150 figure professionali tra medici e operatori sanitari.

Tra le aree di prevenzione polispecialistica è previsto un percorso clinico diagnostico a 360 gradi contro malattie tiroidee, patologie correlate al fumo, metabolismo, cuore e sport, malattie del fegato, ipertensione arteriosa, medicina dello sport, tumori della pelle, odontoiatria, pediatria e altro ancora.

Nel corso della manifestazione gli esperti sono stati a disposizione per aumentare la consapevolezza su queste malattie, rispondere a domande e dare consigli su come gestirle al meglio, ricordando che la prevenzione, e uno stile di vita sano, sono la terapia più efficace per combatterle.

Tennis & Friends

Attività fisica batte malattie croniche

Una ricerca dellistituto superiore di sanità evidenzia come fare movimento previene patologie cardiovascolari, diabete e cancro. A tutte le età.

L’attività fisica come prevenzione per determinate malattie cronico-degenerative. È questa, in estrema sintesi, la conclusione di un recente studio dell’Istituto Superiore di Sanità. Le malattie cronico-degenerative, come noto, sono caratterizzate da un lungo periodo di sviluppo e colpiscono prevalentemente donne e uomini più anziani. Stiamo parlando di un ampio gruppo di patologie che vanno dall’osteoporosi alle malattie cardiovascolari, dal diabete alle dislipidemie per arrivare a sovrappeso/obesità, malattie respiratorie croniche, ictus e cancro. Sono tra le malattie più invalidanti e mortali che interessano molti Paesi e che sono caratterizzate da fattori di rischio endogeni non modificabili ed esogeni modificabili: proprio tra quest’ultimi l’inattività fisica gioca un ruolo cruciale. Viceversa l’attività fisica, sostiene la ricerca, fornisce vantaggi sia al singolo individuo, sia al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) riducendo l’ospedalizzazione e l’uso di farmaci.

Incidere sui fattori di rischio esogeni: l’attività fisica

Incidere sui fattori di rischio esogeni è dunque l’unico modo per abbassare l’incidenza delle malattie cronico-degenerative. Quelli associati agli stili di vita sono quattro: il consumo di alcol, l’alimentazione scorretta, il fumo di sigarette e l’inattività fisica. Evitarli e svolgere una regolare attività fisica è una semplice misura che può aiutare ad affrontare le malattie degenerative. Non solo: se è ben riconosciuto il ruolo importante dell’esercizio fisico come prevenzione e cura dell’osteoporosi per i suoi effetti positivi diretti sul tessuto osseo, ci sono evidenze positive anche legati alla minor insorgenza di altre patologie come diabete, malattie cardiovascolari e dislipidemie. I benefici ottenuti, peraltro, anche se sono relazionati all’età, comprendono tutte le fasce, che vanno dai giovani tra i 20 e i 30 anni agli adulti tra i 40 e i 50 anni fino agli anziani di età superiore ai 60 anni.

Contro l’osteoporosi sì al movimento no al nuoto

Ovviamente, l’intensità dell’attività fisica consigliata dipende dall’età e dalle abitudini di vita delle persone, ma anche e soprattutto dal loro stato di salute, in quanto alcune malattie possono portare a una situazione debilitante soprattutto tra gli anziani.

Ma c’è di più: secondo la ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità, “un’attività fisica come camminare, pedalare, salire le scale a piedi e ballare può costituire una buona prevenzione, non solo per le malattie croniche ma anche per il riassorbimento del tessuto osseo: alcuni studi hanno evidenziato che per tutti i pazienti è importante camminare per 30-60 minuti”. Ecco dunque una valenza non solo preventiva, ma anche di “cura” per chi è affetto da alcune malattie degenerative, nel caso specifico l’osteoporosi.

Una nota a parte merita invece il nuoto: uno sport ritenuto “molto utile per alcune malattie croniche, ma non per l’osteoporosi poiché i suoi movimenti, pur facendo bene a muscoli, cuore, articolazioni, non sono particolarmente utili per l’ossatura: in acqua, infatti, non viene sostenuto il peso corporeo per mancanza dello stimolo della forza gravitazionale”.

L’Italia merita l’EMA

STEFANO CUZZILLA, PRESIDENTE FEDERMANAGER

Milano è in corsa per l’assegnazione dell’Agenzia europea del Farmaco che, dopo Brexit, deve lasciare Londra per uno degli Stati membri.

Vale la pena sottolineare il valore di questa partita. Un valore certamente economico, dati gli oltre 300 milioni di budget annuale e i circa 900 dipendenti dell’Agenzia, ma soprattutto strategico per i temi della salute pubblica, della produttività dell’industria farmaceutica europea e della ricerca scientifica.

Ritengo che il nostro Paese, che possiede una forte tradizione industriale in campo farmaceutico e biomedicale, meriti di ottenere, insieme a questa Agenzia, il riconoscimento europeo del proprio ruolo di leadership: la nostra filiera della salute vale circa l’11% del PIL e assorbe il 6% degli occupati. Ci sono distretti industriali che sono primi al mondo per ricerca e innovazione, non solo in Lombardia. Questo è un settore in inarrestabile crescita che, quindi, è in grado di offrire numerose opportunità di sviluppo alla nostra rete di piccole e medie imprese.

Come Federmanager non possiamo che esprimere l’impegno del management industriale a condividere gli intenti politici, economici e sociali che la candidatura meneghina porta con sé e a dare tutto il supporto, operativo e di visione, di cui siamo capaci.

Una nuova certificazione per migliorare processi di gestione e servizi agli iscritti

Con la UNI EN ISO 9001:2015 il Fondo si conferma all’avanguardia per efficienza

Puntare a un continuo miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia dei propri processi interni (anche attraverso un piano di formazione e crescita professionale del proprio personale) e dare agli iscritti una ulteriore garanzia sul valore dei servizi offerti dal Fondo. È principalmente per questi motivi che Assidai persegue, ormai dal 2011, una politica di certificazione e organizzazione del proprio sistema di gestione, che di recente è stato validato da DNV-GL (ente di primaria importanza nel panorama internazionale) secondo la nuova norma UNI EN ISO 9001:2015. Che cos’è quest’ultima? Al di là della dicitura apparentemente complicata, il significato è molto semplice: le normative della famiglia ISO 9000, messe a punto dall’Organizzazione internazionale per la normazione, definiscono i requisiti per realizzare un sistema di gestione in grado di migliorare continuamente l’efficienza nella realizzazione di un prodotto o nell’erogazione di un servizio e, al tempo stesso, di incrementare la soddisfazione di un cliente.

Un passo in avanti sulla certificazione ISO 9001

Assidai, nel 2011, si era dotata della certificazione UNI EN ISO 9001:2008. Col tempo, tuttavia, la ISO 9001 è molto cambiata e l’edizione 2015 dello standard, che in sostanza rappresenta la “versione” più recente di questa certificazione, è nata proprio dall’esigenza di riflettere i cambiamenti avvenuti nelle pratiche e tecnologie per il Quality Management negli ultimi anni e si adatta completamente a qualsiasi organizzazione per requisiti, bilancio e struttura. Di qui la decisione del Fondo di stare al passo con l’evoluzione delle certificazioni e la scelta di conformare la propria attività non soltanto alle normative cogenti di riferimento ma anche a normative volontarie come la UNI EN ISO 9001:2015, adottando un sistema di gestione che agisce principalmente su due direttive.

Un lungo percorso di sostenibilità

Da una parte permette di mantenere sotto controllo i propri processi e la conformità ai requisiti dello standard e delle altre normative di riferimento. Dall’altra parte rafforza il rapporto con i propri stakeholder, dimostrando attenzione verso la soddisfazione delle loro aspettative ed esigenze specifiche.

Assidai e una lunga tradizione di sostenibilità

La certificazione UNI EN ISO 9001:2015 per l’erogazione del servizio di rimborsi spese mediche e assistenziali per dirigenti, quadri e consulenti è il coronamento di un lungo percorso guidato dai principi ispiratori di Assidai. Percorso che ha come filo conduttore una strategia di sviluppo sostenibile voluta dal Fondo e iniziata da diversi anni con l’iscrizione all’Anagrafe dei Fondi Sanitari e il rinnovo annuale della stessa, con la certificazione volontaria del bilancio e con la realizzazione, tre anni fa, del Codice Etico e di Comportamento. Del resto, raggiungere eccellenti standard di conformità ed efficienza è condizione necessaria per raggiungere l’obiettivo principale del Fondo: costruire a livello nazionale un sistema sanitario integrato e complementare che veda il giusto bilanciamento tra la qualità dei servizi offerti e la sostenibilità economica.

I processi di gestione e le loro categorie

In quest’ottica Assidai ha individuato specifici processi di gestione che si possono classificare in tre aree (vedi infografica “Il sistema di gestione del Fondo”). Innanzitutto ci sono i processi di gestione, che disciplinano e coordinano le relazioni dell’Organizzazione con i propri stakeholder. In secondo luogo i processi operativi, cioè l’insieme delle attività volte all’erogazione del servizio. Infine, ecco i processi di supporto, che gestiscono le risorse interne e forniscono supporto ai processi principali. È proprio attraverso il proprio sistema di gestione che l’azienda definisce per ciascuno di questi processi responsabilità e regole di comportamento condivise, documentandole e dettagliandole all’interno di policies, procedure e istruzioni operative.

I principi di Assidai

La volontà di dotarsi di un sistema di gestione certificato è la base della strategia di sviluppo sostenibile voluta da Assidai che vuole raggiungere nuovi obiettivi di business tenendo fermi i propri valori e i propri principi. Tra questi spiccano la tutela degli iscritti e della loro salute durante l’intero arco della vita con spirito di mutualità e solidarietà. Per l’iscritto Assidai vuole essere innanzitutto un consulente, che agisce con integrità e professionalità offrendo la propria assistenza con un’ampia gamma di Piani Sanitari innovativi a copertura del nucleo familiare anche all’estero. Altri valori del Fondo sono quelli del welfare, della qualità e dell’innovazione, indispensabili per riuscire a stare al passo con i bisogni dei manager, delle loro famiglie e anche delle aziende. Senza trascurare la riservatezza e la trasparenza: Assidai rinnova annualmente l’iscrizione all’Anagrafe dei Fondi Sanitari istituita dal Ministero della Salute, certifica – su base volontaria – il proprio bilancio e si è dotato di un Codice Etico e di Comportamento; inoltre garantisce la più completa tutela delle informazioni in proprio possesso e che riguardano, tra l’altro, anche gli iscritti.

 

Presentazione di Welfare 24

La parola al presidente Assidai, Tiziano Neviani

In questo numero di Welfare 24 parliamo di una importante novità per Assidai: la certificazione del nostro sistema di gestione in base allo standard più aggiornato in circolazione, UNI EN ISO 9001: 2015.

Perché questa scelta? Avere un sistema di gestione certificato è alla base della strategia di sviluppo sostenibile iniziata dal Fondo da diversi anni con un duplice obiettivo: mantenere sotto controllo i processi e rafforzare il rapporto con gli stakeholder. Sullo sfondo c’è poi il nostro obiettivo primario: costruire a livello nazionale un sistema sanitario integrato pubblico-privato che operi nell’interesse del cittadino e offra un corretto bilanciamento tra qualità del servizio e sostenibilità economica.

In questo quadro la prevenzione gioca un ruolo rilevante: a questo proposito riportiamo un interessante studio dell’Istituto superiore di Sanità che rivela come l’attività fisica diminuisca la probabilità dell’insorgere di malattie cronico-degenerative.

Sempre in tema di prevenzione, segnalo con piacere l’evento Tennis &Friends a Roma il 7 e 8 ottobre 2017, che ha visto per la prima volta la partecipazione di Assidai.

Infine, il consueto contributo del Presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla, che sostiene la candidatura dell’Italia per l’assegnazione dell’Agenzia del Farmaco: posizione che non possiamo che condividere.

Il trattamento fiscale di contributi e prestazioni Assidai

Con la dichiarazione dei redditi che si approssima, vale la pena ricordare come e in che misura si possono scaricare i contributi versati al fondo sanitario integrativo e le spese mediche. Per farlo bisogna distinguere tuttavia tre fattispecie.

Per chi aderisce ad Assidai in forma individuale e volontaria (pensionati, lavoratori autonomi, etc) il contributo di adesione versato dall’iscritto concorre alla formazione del reddito di lavoro dipendente e quindi solo le spese mediche sono detraibili dalle imposte nella misura del 19% per la parte eccedente 129,11 euro, sebbene le stesse siano state rimborsate da Assidai.

Per i lavoratori dipendenti che aderiscono ad Assidai in conformità di contratto, accordo o regolamento aziendale i contributi di assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro o dal lavoratore a enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale per un importo non superiore complessivamente a 3.615,20 euro non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente.

Se non si supera questa soglia, solo le spese non rimborsate da Assidai sono detraibili nella misura del 19% per la parte eccedente 129,11 euro. Se invece i contributi superano 3.615,20 euro, la parte eccedente concorre a formare il reddito imponibile mentre le spese sanitarie sono detraibili nella misura proporzionale alla quota dei contributi eccedenti la soglia per un importo pari al 19% della parte oltre 129,11 euro.

Per le aziende, infine, i contributi a loro carico rappresentano una voce di costo del lavoro, deducibile integralmente ai fini della determinazione del reddito di impresa soggetto ad Ires.

I contributi del datore di lavoro sono soggetti ad un contributo di solidarietà del 10% che deve essere devoluto alle gestioni pensionistiche cui sono iscritti i lavoratori.

Integrazione tra sanità, pubblico e privato per rispondere ai bisogni dei cittadini

“Sanità, pubblico e privato vanno integrati per rispondere meglio ai bisogni dei cittadini”

Intervista al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: “Ecco le prossime sfide”

Ministro Lorenzin, recentemente ha partecipato al convegno organizzato da Federmanager in occasione del Salone della Giustizia in cui il tema era la sanità giusta tra pubblico e privato. Quale può essere la strada secondo lei per perseguire questo obiettivo?

La strada che si sta delineando non prevede un antagonismo fra pubblico e privato, ma un’integrazione tra i due sistemi, finalizzata alla realizzazione di una concreta possibilità di rispondere a tutti i bisogni di salute. Ricordo che sono riconosciute specifiche agevolazioni fiscali a due tipologie di fondi sanitari per garantire l’erogazione di prestazioni integrative al Servizio sanitario nazionale: i “Fondi sanitari integrativi del SSN”, che erogano solo ed esclusivamente prestazioni non comprese nei livelli essenziali di assistenza, e gli “Enti, Casse e Società di Mutuo Soccorso aventi esclusivamente fini assistenziali” che sono sia integrativi del SSN, sia sostitutivi. Dai dati dell’Anagrafe sui fondi sanitari, distinti per tipologia, emerge la netta prevalenza di quelli anche sostitutivi al SSN (297 nel 2016, con più di 9 milioni di iscritti), rispetto a quelli puramente integrativi al SSN (8 nel 2016, con più di 9 mila iscritti) (vd. tabelle).

tabella1

La popolazione italiana si appresta a essere una delle più “vecchie” al mondo. Parallelamente il bilancio pubblico continua a mostrare crescenti segnali di debolezza. Due elementi che, combinati, mettono a dura prova la sostenibilità del SSN. Come uscire da questo impasse?

Il tasso di fecondità ben al di sotto della soglia naturale di sostituzione (2,1 figli per donna) e il raggiungimento di traguardi, un tempo insperati, dell’aspettativa di vita, fanno dell’Italia uno dei Paesi con il più alto indice di vecchiaia al mondo. Se, da un lato, ciò rappresenta un indubbio successo sul piano della sanità pubblica, dall’altro costituisce una sfida e richiama l’attenzione sulla necessità di ulteriori interventi di sostegno alle politiche sanitarie e sociali. Alle trasformazioni sociali e demografiche in atto si sta rispondendo con scelte programmatorie precise, potenziando da un lato la promozione della salute e la prevenzione, nonché con la definizione di un sistema sanitario più organizzato per le cure di lungo termine, definito nell’ambito del Piano nazionale della cronicità.

In questo contesto, qual è il ruolo dei nuovi LEA?

I nuovi Livelli essenziali di assistenza, approvati a distanza di 16 anni dai precedenti, forniscono su questo terreno importanti indicazioni, dando maggiori certezze anche sui servizi, prestazioni e percorsi di cura per i pazienti cronici e fragili. I nuovi Lea indicano in modo esplicito che il Lea domiciliare non comprende solo una o più prestazioni, ma l’intero percorso assistenziale integrato, che risulta necessario alla presa in carico della persona, e ne esplicita i diversi passaggi. Inoltre, si supera il concetto di assistenza domiciliare integrata come “contenitore unico” e la si distingue in quattro livelli, sulla base del bisogno di salute dell’assistito e del grado di intensità e complessità delle cure. Nel frattempo, si stanno introducendo indicatori relativi ad alcuni importanti percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali, tra cui Bpco (broncopneumopatia cronica ostruttiva), scompenso cardiaco, diabete, tumori della mammella, del colon e del retto, in coerenza con il Piano nazionale della cronicità. Si sta lavorando, infine, anche su temi che affrontano altri aspetti di fragilità, che, se non adeguatamente affrontati, possono costituire nuovi ambiti di diseguaglianze, come le malattie rare. A tal proposito, nei nuovi Lea sono state inserite sei nuove malattie croniche esenti (BPCO negli stadi clinici “moderato”, “grave” e “molto grave”; sindrome da talidomide; osteomielite cronica; patologie renali croniche; rene policistico autosomico dominante; endometriosi negli stadi III e IV).

Un altro nodo cruciale per il Sistema sanitario italiano è la forte componente di spesa out of pocket e la scarsa copertura, rispetto ad altre economie industrializzate, della stessa da parte dei fondi integrativi. Secondo lei, questo è un motivo per spingere sullo sviluppo del settore? Ritiene che siano necessari incentivi da parte dello Stato?

Per dare servizi ai cittadini occorre eliminare abusi e sprechi; il Ministero presta attenzione non solo agli aspetti di riequilibrio economico-finanziario, ma anche alle modifiche strutturali dei sistemi sanitari regionali, affinché vi sia un’appropriata erogazione delle risorse e la possibilità di reinvestire nella qualità delle cure e nel potenziamento dei servizi. La Legge di stabilità 2016 ha previsto i piani di efficientamento non più solo a livello regionale, ma anche a livello aziendale, a partire dall’area ospedaliera, con un approccio globale che coinvolge la pianificazione regionale e aziendale e che mostra il chiaro orientamento ad una cultura di misurazione per la sostenibilità del servizio sanitario. In riferimento alla spesa out of pocket per le prestazioni comprese nei Lea, molto si sta lavorando sulla riduzione delle liste d’attesa, sulla rivisitazione dei ticket, sulla facilitazione all’accesso ai farmaci innovativi, in particolare di quelli oncologici e HCV. Inoltre, la legge di stabilità del 2016 e la recente legge di bilancio 2017 hanno contribuito ad incrementare l’istituzione di fondi sanitari integrativi con altre forme di incentivazione fiscale relative al welfare aziendale. In particolare, è prevista la possibilità di convertire una parte del premio di produttività in forme di benefit, ai dipendenti e loro familiari, che sono totalmente detassate. I benefit consistono in forme di assistenza.

Quale valore ha la prevenzione? In che modo può contribuire alla sostenibilità del SSN?

La salute della popolazione è un fattore ormai riconosciuto della crescita economica: la popolazione sana lavora, produce e ha una minore richiesta di assistenza sanitaria. Promuovere la salute di tutti i cittadini ad ogni età favorisce anche la costruzione di una società più sostenibile, in particolare in un periodo di crisi, investendo nella prevenzione e nella lotta alle malattie croniche, principali cause di mortalità e cattive condizioni di salute. La crisi economica che ha investito il nostro Paese e l’attuale invecchiamento della popolazione hanno acuito le problematiche esistenti. L’attuale quadro epidemiologico, caratterizzato dalla prevalenza delle malattie cronico-degenerative, e il ruolo assunto nel loro determinismo da fattori comportamentali e stili di vita (scorretta alimentazione, sedentarietà, fumo, abuso di alcol), ha evidenziato quanto sia importante investire sulla promozione della salute e sulla prevenzione. Con il Programma “Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari”, approvato dal Governo in accordo con le Regioni e le Province autonome (Dpcm 4 maggio 2007), l’Italia ha adottato, a livello nazionale, una strategia per promuovere la salute come bene pubblico, attraverso l’integrazione tra le azioni di cui sono responsabili i singoli cittadini e quelle che competono alla collettività.

Qual è invece l’obiettivo del Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018?

Il Piano Nazionale ha fatto proprio l’approccio intersettoriale di “Guadagnare salute”, per promuovere politiche e azioni integrate per modificare i determinanti sociali secondo i principi della Health in All Policies, e ha individuato obiettivi a elevata valenza strategica, perseguibili contemporaneamente da tutte le Regioni, partendo dagli specifici contesti locali. Il Piano prevede strategie di popolazione finalizzate a diffondere e facilitare la scelta di stili di vita sani e attivi, attraverso programmi di promozione della salute che adottano un approccio trasversale ai determinanti di salute. Inoltre, nell’ambito del Piano vaccinazioni, anche la prevenzione delle malattie trasmissibili resta un obiettivo prioritario e coerente con la finalità di garantire anche la sostenibilità del SSN nel proteggere la salute di tutta la popolazione. L’obiettivo va perseguito attraverso l’offerta tempestiva e omogenea sul territorio nazionale della immunizzazione attiva, ma anche attraverso la corretta informazione ed educazione dei cittadini, la promozione e la profilassi dei soggetti esposti, la tempestività e la qualità delle diagnosi, l’appropriatezza e la completezza dei trattamenti terapeutici, il monitoraggio degli esiti degli interventi e dei loro eventuali eventi avversi.

Un altro tema chiave, specie in ottica futura, è rappresentato dalla copertura Ltc. Ritiene che nel nostro Paese si stia facendo abbastanza su questo fronte?

La Long term care è una sfida comune dei sistemi sanitari del mondo industrializzato. La necessità di riorientare in modello di assistenza dalla cura della malattia verso una visione olistica ed una presa in carico della persona nella sua complessità, attraverso un processo strutturato, è contenuto nel Patto per la Salute 2014-2016. Tale sfida richiede di individuare responsabilità e meccanismi operativi per superare la frammentazione dei servizi e sconta la difficoltà nel controllo dei costi. Sottolineo che riorientare il modello di assistenza comporta un cambiamento sostanziale perché richiede non solo l’attenzione alla guarigione da una malattia, ma il lavoro sinergico di persone e strutture impegnate nel fornire comunque l’assistenza migliore, al fine di garantire una buona qualità della vita. I nuovi percorsi assistenziali dovranno essere caratterizzati da un approccio multidisciplinare e interdisciplinare e al tempo stesso occorrerà promuovere la partecipazione attiva del cittadino nei processi sanitari che lo coinvolgono. è necessario, infine, delineare un sistema di monitoraggio che comprenda i passaggi fondamentali del percorso di cura integrata, che ora è difficile data la frammentazione delle fonti informative.

 

Beatrice Lorenzin è Ministro della Salute nel Governo presieduto da Paolo Gentiloni. Ha guidato il Ministero della Salute nel Governo Letta (dal 28 aprile 2013 al 21 febbraio 2014) e successivamente nel Governo Renzi (dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016): è il quinto Ministro della sanità-salute donna dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi e Livia Turco. Nata a Roma il 14 ottobre 1971, ha intrapreso la carriera politica nell’ottobre 1997 con l’elezione al Consiglio del XIII Municipio di Roma nella lista di Forza Italia. Nel 2001 è eletta Consigliere comunale di Roma, mentre tra il 2005 e la metà del 2006 è Capo della Segreteria Tecnica del Sottosegretario all’Informazione, Comunicazione e Editoria presso la Presidenza del Consiglio dei ministri. Nel 2008 è eletta alla Camera dei deputati nella lista PdL e viene riconfermata alle politiche del 24-25 febbraio 2013.

 

Presentazione di Welfare 24

La parola al presidente Assidai, Tiziano Neviani

Il nuovo numero di Welfare24 è speciale: abbiamo, infatti, realizzato un’intervista, in esclusiva per Assidai, al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che offre un’ampia e approfondita panoramica sulle principali sfide della sanità italiana. Con un punto fermo: la sanità pubblica e quella privata non sono alternative, ma devono lavorare in modo integrato per migliorare le prospettive di sostenibilità ed efficienza del Sistema sanitario nazionale e, di conseguenza, la qualità di vita dei cittadini. Il Ministro Lorenzin parla anche di prevenzione, dei nuovi Lea, della copertura Ltc, del ruolo della sanità integrativa e soprattutto ci fornisce dati inediti e aggiornati sull’anagrafe dei fondi sanitari italiani.

Presentiamo, poi, un breve resoconto del convegno “La sanità giusta tra pubblico e privato”, organizzato da Federmanager, e al quale ha partecipato Assidai, lo scorso 11 aprile, nella giornata di apertura della VII edizione del Salone della Giustizia a Roma.

Infine, segnaliamo un approfondimento sulla fiscalità dei contributi e delle prestazioni Assidai e come fare per devolvere il 5×1000 a Vises, Onlus di riferimento di Federmanager.

I più sani al mondo

Il punto di vista del Presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla

Di recente è apparsa sulla stampa la notizia che i cittadini italiani sono i più sani al mondo. La fonte è il Global Health Index di Bloomberg e riporta una classifica su 163 Paesi che tiene conto di durata media della vita, nutrizione, salute mentale e incidenza di alcuni fattori di rischio come il fumo.

Se esiste una correlazione tra salute e benessere economico, nel report emerge anche che la ricchezza diventa salute solo se si combina a fattori culturali come l’attenzione per il cibo o l’abitudine a praticare attività fisica.

Consapevoli di quanto questi aspetti siano determinanti per un’esistenza in salute, la Commissione Sanità di Federmanager lo scorso febbraio ha scelto di dedicare un’iniziativa proprio agli stili di vita, di cui si dà ampio conto in questa newsletter. Nonostante il nostro investimento in programmi di prevenzione sia stabile, intendiamo infatti insistere nella promozione dei comportamenti corretti perché esiste ancora una barriera culturale in questo campo che non lascia escluso il management.

Per questo, il mio impegno come Presidente è di creare tutte le occasioni possibili per offrire ai colleghi una corretta informazione sul tema e costruire sinergie tra i nostri Fondi di assistenza sanitaria integrativa e le istituzioni pubbliche competenti.