La prevenzione fa bene anche alle imprese

Intervista al Presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla

“La prevenzione, prima di rappresentare uno strumento di analisi medica, consiste in un approccio culturale che riguarda gli stili di vita che assumiamo”. È quanto dichiara Stefano Cuzzilla, Presidente Federmanager, che sottolinea come – proprio per questo – la prevenzione stessa faccia bene anche alle imprese.

La spesa sanitaria privata in Italia sfiora i 40 miliardi di euro, di cui solo il 7,4% è intermediato da Fondi sanitari integrativi. Perché sarebbe utile aumentare questa quota e come interviene Federmanager per farlo?

La crescita dell’indice di spesa privata giustifica la necessità dell’intermediazione dei Fondi sanitari integrativi. Questa fotografia del Paese non ci fa dormire sonni tranquilli. I cittadini pagano di tasca propria le cure di cui hanno bisogno, nel momento in cui ne hanno più bisogno; se non ci riescono, rimandano cure essenziali. Questo avviene principalmente perché il Sistema Sanitario Nazionale (SSN), nonostante sia tra i migliori al mondo per qualità e universalità delle prestazioni, è reso inefficiente dalla lunghezza delle liste d’attesa.

I nostri Fondi rimettono i soldi nel portafoglio degli italiani, diminuendo la quota di spesa cosiddetta out of pocket. Non solo, essi creano un circuito virtuoso che premia la sanità migliore e più tempestiva attraverso una leale concorrenza nella sanità privata. Questo consente alla sanità pubblica di concentrare l’intervento sulle aree di prestazione essenziale in una logica di complementarietà che arricchisce il sistema.

Qual è il ruolo dei fondi sanitari integrativi in tema di prevenzione?

L’ambito della prevenzione rappresenta uno dei modi più innovativi con cui il Secondo pilastro può intervenire a supporto del SSN. L’Italia investe ancora troppo poco in prevenzione, nonostante sia pacifico il collegamento tra attività preventiva e l’efficacia della risposta clinica. Pertanto, la sanità integrativa può e deve fare molto per diffondere la pratica della prevenzione sanitaria. E sicuramente questo è un tema che deve entrare nei programmi di welfare aziendale, aumentando il numero di lavoratori che si sottopone a screening e diagnosi precoci.

Anche se per le aziende questo implica un costo ulteriore?

La prevenzione, prima ancora di rappresentare uno strumento di analisi medica, consiste in un approccio culturale che riguarda gli stili di vita che assumiamo. Negli ultimi anni, i cittadini sono più informati ed esigenti e si sta diffondendo una concezione della salute come benessere complessivo. Di conseguenza, la cura di eventuali malattie è avvertita come un costo sociale ed economico molto più significativo del prezzo sostenuto per un esame diagnostico. Anzi, gli esami di profilassi sono un investimento che le aziende fanno sempre più volentieri. Un lavoratore in salute restituisce produttività all’impresa. È chiaro che se i Fondi sanitari integrativi investissero massicciamente su questo terreno, avremmo più chance di condividere una cultura della prevenzione dentro e fuori l’azienda. Per questo vogliamo incoraggiare, sostenendone i costi, iniziative come questa lanciata da Assidai che rappresentano una buona integrazione tra sanità pubblica e privata.

Il programma di prevenzione Assidai si svolge presso le strutture convenzionate. Qual è il valore di questo network?

Uno dei punti di forza di Federmanager sta nelle strutture sanitarie d’eccellenza che offrono servizi veloci e di qualità. Rivolgersi a Fasi e Assidai significa accedere ai migliori privati convenzionati, su cui abbiamo messo un bollino di qualità. Ci impegniamo ad aumentare il numero delle convenzioni dirette con i nostri enti per essere sempre più vicini alla domanda di cura del singolo e della collettività. Altra prerogativa del nostro sistema di convenzionamento è quella di offrire una soluzione concreta all’evasione fiscale: attraverso l’intermediazione dei nostri Fondi, infatti, il rimborso della spesa sanitaria avviene previa fattura. Le convenzioni che abbiamo attivato nel tempo si sono dimostrate una soluzione innovativa anche per introdurre i programmi di profilassi. Il nostro impegno è di favorire gli investimenti in prevenzione, incrementare l’adesione ai fondi sanitari integrativi e disegnare un nuovo orizzonte del welfare.

 

Nel G7 della sanità al primo posto il Belpaese

Lo rivela uno studio dell’Aiop. Anche per “The Lancet” il nostro servizio sanitario è il 12esimo al mondo

Il Servizio Sanitario Nazionale italiano è quello che nel G7 (sigla che comprende anche Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Giappone e Canada) associa la più bassa spesa pro-capite alla più elevata aspettativa di vita in salute. A sottolinearlo è un recente studio dell’Associazione italiana ospedaliera privata (Aiop) che, per raggiungere questa conclusione, ha incrociato ed esaminato a fondo sia le modalità di finanziamento del sistema, sia quelle di erogazione dei servizi.

Ebbene, in base a questa approfondita analisi la sanità italiana, nonostante l’ormai acclarata necessità di riforma e di adattamento a bisogni nuovi e crescenti della popolazione, continua a essere tuttora un modello di eccellenza e di qualità da seguire per molti Paesi del mondo.

Una tendenza confermata, poco meno di un anno fa, da un indice di “The Lancet”, l’autorevole rivista britannica, che riassumeva e valutava tre caratteristiche di 195 sistemi sanitari del mondo: l’accessibilità ai servizi sanitari da parte della popolazione, la qualità del servizio e la mortalità per 32 malattie per le quali la morte può essere evitata a condizione di ricevere subito trattamenti efficaci. La classifica di “The Lancet” – che prendeva in esame un arco di tempo dal 1990 al 2015 – vedeva l’Italia al 12esimo posto, meglio di Francia, Germania e nettamente davanti a Gran Bretagna e Stati Uniti. Tutti Paesi che, in altri ambiti (in particolar modo per quando riguarda l’economia), vengono spesso portati a modello da seguire per l’Italia.

C’è un altro tema, non certo, secondario, rimarcato dallo studio dell’Aiop: il nostro Servizio Sanitario Nazionale non solo è in grado di condurre a risultati efficaci in termini di clinici ma anche soprattutto per la prevenzione e la gestione di malattie croniche. Nonostante l’Italia sia il secondo Paese più “vecchio” del mondo dopo il Giappone, gli indicatori di vita in salute mostrano infatti un’elevata aspettativa di vita in salute e la capacità di minimizzare la perdita di anni di vita in salute. In un’ottica più globale, si conclude, reinvestire in un Ssn moderno può aiutare a posizionare l’Italia come leader globale nel campo della promozione e della tutela della salute.

 

Policlinico Casilino, un ospedale a misura di persona

I reparti di Ginecologia, Ostetricia, Neonatologia e terapia intensiva neonatale sono guidati da tre valori: sicurezza, accoglienza e umanizzazione.

Un ospedale a misura di territorio. È questo, in sintesi, lo spirito del Policlinico Casilino di Roma, sede di DEA di primo livello (il terzo della Capitale per accessi al Pronto Soccorso) in cui è presente anche una specifica realtà gestita da Eurosanità S.p.A. denominata “La Clinica”. Quest’ultima, convenzionata con Assidai, offre servizi a privati in tutte le specialità (tra cui medicina d’urgenza, cardiologia, chirurgia urologica e plastica ecc.) e a coloro che optano per l’assistenza, anche in ricovero, out of pocket. Il servizio è garantito con standard di accoglienza e ricovero simili a quelli di una clinica privata (grazie anche alle esperienze acquisite negli anni con la gestione delle strutture Quisisana, Villa Stuart e Centro Progenies – PMA a Roma, e RSA Sant’Elisabetta I° e II° a Fiuggi) con la possibilità per i pazienti di scegliere propri medici di fiducia e con accesso a tutti i servizi dell’ospedale. Insomma: la qualità di una clinica di lusso coniugata alla sicurezza di un grande ospedale.

In questo quadro, un capitolo a parte meritano i reparti di Ginecologia e Ostetricia e di Neonatologia, diretti rispettivamente dal Professor Herbert Valensise e dal Professor Piermichele Paolillo. Le loro carte vincenti? Si riassumono in tre parole: sicurezza, accoglienza e umanizzazione. A spiegarle in dettaglio è il Professor Valensise, che sottolinea come alla fine del 2017 il lavoro svolto nell’anno e mezzo precedente abbia dato i propri frutti con un netto incremento dei parti annui – arrivati a più di 3.500 – e una percentuale di accoglienza elevata dei pazienti. “Al primo punto del nostro lavoro c’è la sicurezza della donna in travaglio” spiega il Professor Valensise. “Cerchiamo di vedere tutto in un’ottica di continuità: dall’assistenza dal pronto soccorso fino al reparto abbiamo ridotto i rischi per le pazienti che si trovano in situazioni di difficoltà ed emergenza”.

Poi c’è il tema dell’accoglienza, per il quale è stato creato un punto che assiste a 360 gradi le donne in gravidanza e le fa sentire a loro agio cercando di ridurre al minimo ogni rischio. “Si tratta di un percorso che parte nell’ultimo trimestre di gravidanza – continua il Professore. “Facciamo sì che le donne vengano accolte, valutate, coccolate e controllate, anche nella loro parte umana, in modo che si sentano davvero in famiglia”. Punto essenziale è stato l’introduzione di una guardia anestesiologica 24 ore su 24, con la possibilità così di accedere all’epidurale in qualsiasi momento e a un livello di sicurezza ancora maggiore.

L’attenzione alla persona e alla famiglia è legata anche al terzo elemento chiave dell’ospedale: l’umanizzazione. “Il padre in sala parto e il rooming in sono stati grandi punti di arrivo, – conclude il Professor Valensise – perché il nostro obiettivo, in un mondo dove l’ospedale è a volte disumano e le persone vengono trattate come numeri, è di dare alle donne la sensazione di essere in famiglia, con la sicurezza di avere tutti i mezzi per fronteggiare ogni emergenza”.

“La nascita è uno dei momenti più difficili della vita. Nel 90% dei casi va tutto bene, ma nel 10% qualcosa può andare storto. Quindi è importante avere un’organizzazione umana e tecnologica in grado di sopperire a eventuali problematiche”, fa notare il Professor Paolillo, che spiega “abbiamo numeri molto alti di neonati patologici assistiti e tutte le strutture idonee, tra cui un ottimo centro di rianimazione per la mamma, e l’organizzazione per far sì che gravidanze che non sono decorse nel modo migliore vadano a buon fine”.

Per approfondimenti su questi reparti del Policlinico Casilino: https://youtu.be/pM6IoY1RCMUwww.policlinicocasilino.it

Herbert Valensise, 62 anni, è il Direttore U.O.C. di Ginecologia e Ostetricia del Policlinico Casilino. È Professore Associato di Ginecologia e Ostetricia all’Università Tor Vergata; è impegnato nelle ricerche sulla medicina materno fetale ed è autore di numerosi articoli pubblicati su riviste internazionali e di libri.

Piermichele Paolillo, 64 anni, è il Direttore della U.O.C. di Neonatologia, Terapia Intensiva e Patologia Neonatale del Policlinico Casilino. è specializzato in pediatria e puericultura e vanta un’ampia esperienza a livello didattico (in particolare universitario) e scientifico, nonché svariate pubblicazioni.

Nelle immagini: la Palazzina A del Policlinico Casilino che ospita i reparti di Ginecologia e Neonatologia, i Professori Valensise e Paolillo, il reparto solventi, l’accoglienza in sala travaglio-parto e la terapia intensiva neonatale.

Palazzina A – Policlinico Casilino

 

Prof. Herbert Valensise

 

Prof. Piermichele Paolillo

 

Reparto solventi

 

Sala Travaglio-Parto

 

Terapia intensiva neonatale

Crescere con la white economy

Serve pragmatismo per rispondere alle sfide attuali, prendendo in seria considerazione l’andamento demografico e il bisogno di cura espresso da cittadini sempre più informati ed esigenti.

Abbiamo costruito un sistema di welfare integrativo, sia contrattuale sia aziendale, che si traduce in azioni concrete di sostegno al Servizio sanitario pubblico. Consapevoli dell’urgenza di conferire efficacia al sistema, abbiamo creato una rete di convenzioni con le migliori strutture sanitarie del Paese, un network di eccellenza al quale i nostri colleghi possono rivolgersi con sicurezza, sapendo che la gestione è affidata ai principali player di mercato e che la nostra supervisione è costante.

L’integrazione tra attività pubbliche e private deve sempre essere orientata alla cura, all’assistenza e alla previdenza delle persone. È questo – o tale dovrebbe essere – l’obiettivo ultimo della cosiddetta White Economy, una leva di sviluppo certamente economico, ma anche sociale. Riconoscere che la filiera della salute sia ormai diventata un vettore per l’export e una delle voci più significative del nostro bilancio non è abbastanza: che abbia superato il 10% del Pil sarà certamente un motivo di orgoglio nella misura in cui questa industria continuerà a spingere in alto la qualità dell’offerta sanitaria.

Stefano Cuzzilla, Presidente Federmanager

Praesidium, protezione dai rischi a 360°

Il Presidente Carbonaro: il nostro obiettivo è fare sistema con Federmanager e Assidai per offrire soluzioni tagliate su misura per i nuovi bisogni dei manager.

Il valore chiave di Praesidium è il “People Care”, ovvero capire le necessità dei manager e delle loro famiglie e promuovere soluzioni a 360 gradi che ne garantiscono il benessere. Nato nel 2005 dalla joint venture tra Federmanager, Assidai e Aon Italia, Praesidium è un broker assicurativo specializzato nello studio, progettazione e gestione di programmi di welfare aziendale dedicati ai dirigenti, ai quadri, ai professional, ai pensionati e alle loro famiglie. “La nostra missione è coprire una complessità di nuovi bisogni che vanno nella direzione della copertura dal rischio” spiega il Presidente Salvatore Carbonaro.

Come nasce Praesidium, a chi si rivolge e quali sono oggi i suoi principali obiettivi?

Nasce 13 anni fa da una semplice intuizione: dotare il sistema Federmanager di una realtà che potesse offrire diversi prodotti assicurativi agli iscritti, attraverso una rete di consulenti di welfare sul territorio. Abbiamo avuto l’intuito di creare una struttura atipica: i consulenti sono dei broker, ma svolgono anche attività di formazione e informazione per proporre soluzioni assicurative su base aziendale e/o individuale. Il nostro obiettivo è offrire dei pacchetti di protezione a tutto tondo e personalizzati. A tale riguardo cito un dato, proveniente da un’indagine Ermeneia del 2016, che attesta le ansie e le paure vissute dalle famiglie italiane in merito alla propria protezione attuale e futura. Tali preoccupazioni indurrebbero a sottoscrivere nell’ordine le seguenti coperture: malattia grave o invalidità del capofamiglia, morte di un componente familiare, perdita del posto di lavoro, futuro incerto dei figli, non autosufficienza in vecchiaia e riduzione del reddito. Come dimostrato, le tutele assicurative in ambito familiare non sono più una opportunità bensì una necessità.

Perché un iscritto di Assidai dovrebbe rivolgersi a Praesidium per le proprie esigenze assicurative?

Perché siamo un partner presente sul territorio e nel dialogo con l’iscritto per ogni sua esigenza di protezione assicurativa. I prodotti vanno dal welfare individuale (area professionale, salute e famiglia) a quello aziendale (area contrattuale, integrativa e complementare). Nel primo caso offriamo tutele per la responsabilità civile patrimoniale, tutela legale, assistenza sanitaria, polizza vita, RCA, assicurazione multirischi abitazione e assistenza viaggi. Nel secondo, proponiamo assicurazioni vita e infortuni, tutela legale, assistenza sanitaria, responsabilità civile amministratori, dirigenti e sindaci, assistenza viaggi, flexible benefit.

Quali sono i prodotti assicurativi che consigliereste agli iscritti di Assidai?

Forniamo un servizio di consulenza personalizzato e un iscritto Assidai potrebbe essere interessato a diversi dei prodotti, sia sull’area salute sia su quella famiglia. Stiamo lavorando anche a soluzioni relative al passaggio al periodo della pensione, che consentono di mantenere il benessere dell’età lavorativa, e sui flexible benefit. La proposta di Assidai in termini di assistenza sanitaria è una delle più interessanti, ma talvolta va personalizzata, perché cambiano i bisogni e occorre adeguarsi alla domanda.

Se gli iscritti Assidai o le aziende fossero interessati a contattarvi a chi possono rivolgersi?

Possono visitare il nostro sito www.praesidiumspa.it o contattarci al numero telefonico dedicato, 06 44070640 per ricevere tutte le informazioni.

Salvatore Carbonaro è Presidente di Praesidium Spa. Vanta numerosi incarichi professionali passati, tra cui membro della Giunta Federmanager, della V Commissione Cnel (Infrastrutture ed Energia) e del tavolo tecnico di Confindustria sullo sviluppo dell’idrogeno per la mobilità sostenibile. è stato anche dirigente Eni ed Enichem.

L’OCSE promuove la sanità italiana “Siete tra i più longevi d’Europa”

Uno studio rivela: la nostra speranza di vita è di 82,7 anni, meglio solo la Spagna.

La speranza di vita degli italiani è tra le più alte d’Europa, anche se si riscontrano disparità a livello regionale e socio-economico. Queste parole, che hanno tutto il sapore di una promozione, e anche di una piccola rivincita, per il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), arrivano dall’approfondito studio “State of Health in the European Union”, realizzato dall’OCSE con schede e valutazioni ad hoc per ogni Paese.

Con una speranza di vita alla nascita di 82,7 anni, l’Italia si colloca al secondo posto tra i Paesi dell’Unione europea (dietro alla Spagna), con due anni in più rispetto alla media del Vecchio Continente. La speranza di vita è aumentata di 2,8 anni tra il 2000 e il 2015 ma come in altri Paesi c’è ancora un marcato divario legato al genere (le donne hanno una speranza di vita di circa cinque anni in più rispetto agli uomini) e purtroppo anche alle condizioni socio-economiche: chi possiede un livello di istruzione elevato ha una speranza di vita alla nascita di quattro anni superiore rispetto a chi non ha completato l’istruzione secondaria. Le principali cause di morte, invece, sono ancora le malattie cardiovascolari e i tumori: nel 2014 quasi due terzi dei decessi in Italia erano dovuti a queste patologie. Anche se le morti dovute all’Alzheimer e ad altre forme di demenza senile hanno riportato un notevole aumento rispetto al 2000 a causa dell’invecchiamento della popolazione: un trend che dimostra la necessità di uno sviluppo sempre più robusto delle prestazioni per la non autosufficienza-Long Term Care.

State of Health in the European Union dell'OCSE

Va poi ricordato un altro dato della ricerca su cui è opportuno riflettere: in Italia l’allungamento della speranza di vita rispetto al 2000 si deve principalmente alla riduzione dei tassi di mortalità dopo i 65 anni. A questa età, tuttavia, gli italiani hanno sì una speranza di vita superiore rispetto ai coetanei di altri Paesi europei, ma con meno anni in buona salute. Qualche numero? Nel 2015 una donna italiana 65enne aveva una speranza di vita di 22,2 anni (ma con soli 7,5 anni senza disabilità), mentre per un uomo della stessa età si scendeva a 18,9 anni (con 7,8 anni in piena salute).

OCSE: bene sull’alcol, pericolo obesità

Per quanto riguarda invece i fattori di rischio, nel 2014 in Italia gli adulti che fumavano tabacco quotidianamente erano il 20%, appena al di sotto della media UE e in calo rispetto al 25 % del 2000, mentre sul consumo di alcol siamo tra i migliori: solo il 7% ne dichiara un uso “non moderato” e in questa speciale classifica solo Cipro ci precede con una quota più bassa. Per contro, sta nascendo un preoccupante pericolo obesità, anche se tra gli adulti il 10% dell’Italia è il secondo dato più basso di tutta Europa. Il problema sono gli adolescenti, sovrappeso o obesi, che hanno ormai raggiunto la media Ue (18%) mentre i quindicenni maschi – soprattutto per la scarsa attività fisica – sono arrivati al 26%, al quarto posto in Europa.
Infine un cenno alla spesa sanitaria pro capite, che nel 2015 in Italia era pari a 2.502 euro, inferiore del 10% alla media europea, e corrispondeva al 9,1% del PIL (contro il 9,9% della Ue). Sebbene una serie di servizi di base siano gratuiti, le spese direttamente a carico dei pazienti, sottolinea l’OCSE, sono relativamente elevate (23% del totale, contro una media Ue del 15% nel 2015) e riguardano soprattutto i farmaci e le cure odontoiatriche.

 

Il “welfare” più richiesto? L’assistenza sanitaria

È quanto emerge da un’indagine Censis – Eudaimon che stima un valore potenziale del settore di 21 miliardi.

Le prestazioni più richieste di welfare aziendale? Quelle relative all’area della salute e della sanità (intesa come assistenza sanitaria in caso di malattia, non autosufficienza e infortuni) con il 53,8% delle preferenze, seguita da previdenza integrativa (33,3%) e buoni pasto/mensa aziendale (31,5%). A dirlo è il primo Rapporto Censis – Eudaimon sul welfare aziendale, che evidenzia un valore potenziale per tutto il settore di 21 miliardi di euro. Per raggiungere questa cifra, tuttavia, c’è ancora molta strada da percorrere: la conoscenza di questa opportunità è ancora scarsa se si pensa che solo il 17,9% dei lavoratori italiani – stando alla ricerca – sa esattamente di cosa si stia parlando, mentre il 58,5% padroneggia queste nozioni soltanto “a grandi linee” e il 23,6% non ne sa nulla. Peraltro, chi conosce meglio il welfare aziendale lo apprezza di più: ad esso è favorevole il 74,4% di chi lo conosce in modo preciso e accurato rispetto al 43,3% di chi ne ignora le principali caratteristiche: per questo – sottolinea il Censis – è fondamentale una comunicazione capillare sul contenuto e sul ruolo strategico di questo strumento.

Per i manager meglio il welfare dei premi in denaro

Altro punto chiave: meglio le prestazioni di welfare o gli aumenti in busta paga? Di fronte alla possibilità di trasformare premi annuali in welfare (con i vantaggi fiscali concessi dalle ultime Leggi di Stabilità), il 58,7% di lavoratori sceglie la prima ipotesi e solo il 23,5% la seconda. Ad essere più favorevoli sono i dirigenti e quadri (73,6%), i lavoratori con figli piccoli, fino a 3 anni (68,2%), i laureati (63,5%) e i lavoratori con redditi medio-alti (62,2%) mentre si scende con gli operai (41,3%) e gli impiegati (36,5%).

Come migliora il clima aziendale

C’è infine un ultimo aspetto da non sottovalutare: il welfare aziendale migliora il clima nelle imprese poiché contribuisce a una “visione meno conflittuale del rapporto tra lavoratori e impresa e meno unilaterale dal punto di vista dei ruoli e della distribuzione del valore creato”. A dirlo sono i numeri, visto che ne è convinto il 47,7% dei lavoratori interpellati mentre il 16,8% ritiene che possa aumentare la produttività dei lavoratori stessi.

  • 53,8% Coloro che preferiscono la sanità come prestazione di welfare aziendale
  • 17,9% I lavoratori italiani che conoscono bene la materia
  • 47,7% Coloro che ritengono migliori il clima aziendale

Convenzionamenti diretti: istruzioni per l’uso

Le tre possibili casistiche e cosa fare

Iscritti integrativi del Fasi

Per gli iscritti ai Piani Sanitari integrativi aventi il Fasi come fondo di assistenza primario, grazie all’accordo raggiunto in collaborazione con Generali Italia, tutte le strutture convenzionate sia con Assidai sia con Fasi garantiranno, all’atto della presa in carico del convenzionamento diretto Fasi, anche la parte integrativa Assidai, ovviamente per le prestazioni previste dal Piano Sanitario di appartenenza. All’atto della prenotazione della prestazione da effettuare almeno 5 giorni lavorativi prima – salvo casi d’urgenza – dalla data dell’appuntamento, l’assistito dovrà solo comunicare alla struttura di essere sia iscritto sia al Fasi sia ad Assidai, in quanto sarà la stessa struttura che provvederà all’apertura della pratica.

Iscritti integrativi di altri fondi

Per quanto riguarda gli iscritti ai Piani Sanitari integrativi aventi fondi primari di assistenza sanitaria diversi dal Fasi, la possibilità di attivazione dei convenzionamenti diretti è regolata all’interno degli accordi specifici sottoscritti con Assidai: in loro assenza non è possibile usufruire delle strutture convenzionate.

Iscritti privi di un fondo di assistenza primario

Infine, gli iscritti ai Piani Sanitari sostitutivi Assidai non aventi Fasi o altri fondi dovranno attivare i convenzionamenti diretti chiamando il nuovo Numero Verde 800 855 888 con un preavviso di 5 giorni lavorativi per le prestazioni ospedaliere e ambulatoriali e di 2 giorni lavorativi per le prestazioni extraospedaliere rispetto all’appuntamento fissato.

In caso di prestazioni ospedaliere, dopo aver contattato il Numero Verde per attivare la richiesta, è necessario inviare la certificazione medica indicante la tipologia di prestazione da eseguire, nonché la diagnosi, via fax al numero 0413362315 oppure tramite email all’indirizzo diretteassidai@generali.com.

In caso di prestazioni extraospedaliere: non sarà necessario inoltrare la documentazione sopra indicata via fax, ma basterà rilasciare le stesse informazioni telefonicamente alla Centrale Operativa. Rimane fermo che la copia cartacea della certificazione medica indicante la prestazione e la diagnosi (certa o presunta), dovrà essere consegnata alla struttura al momento dell’esecuzione della prestazione. La Centrale Operativa, invierà contestualmente un SMS all’iscritto e l’autorizzazione alla struttura. Nel momento in cui l’iscritto si recherà presso la struttura convenzionata per eseguire la prestazione, dovrà firmare l’apposito “modulo di autorizzazione al pagamento diretto”.

Convenzionamenti 2018

Al seguente link tutte le informazioni aggiornate al 2019.

La tecnologia al servizio degli iscritti

Intervista al Direttore Generale Assidai, Marco Rossetti

“Assidai persegue da sempre un obiettivo molto chiaro: semplificare la vita degli iscritti migliorando continuamente le modalità di interazione con il nostro Fondo”. Partendo da questa premessa Marco Rossetti, Direttore Generale di Assidai, inizia a illustrare una delle principali novità introdotte dal Fondo per il 2018: la nuova area riservata.

In che cosa è stata rinnovata e migliorata rispetto al passato?

È stata rinnovata graficamente e nelle sue funzioni. Lo scorso anno, infatti, avevamo realizzato il nuovo sito utilizzando nuove tecnologie e offrendo a tutti gli iscritti l’opportunità di visualizzare il portale non solo dal Pc ma anche da smartphone. Il lavoro degli ultimi mesi, devo dire piuttosto intenso, è stato quello di allineare l’area riservata al nuovo sito.

Ci sono alcuni aspetti della nuova area riservata che le fa piacere sottolineare?

Sì, uno riguarda l’inserimento delle pratiche di rimborso che è stato snellito rispetto al passato: ricordo che scegliere l’opzione online, rispetto alla procedura di invio cartaceo, garantisce tempi più stretti sui rimborsi stessi. E poi c’è un altro aspetto che vorrei sottolineare: utilizzando qualsiasi dispositivo l’iscritto potrà inviare al nostro Fondo un messaggio, accedendo alla funzione “comunicazioni”, per avere qualsiasi informazione (su iscrizione, contributi, richieste di rimborso etc.) e Assidai risponderà in modo celere.

Che ruolo hanno giocato gli iscritti in questo processo?

Direi rilevante. Anche grazie ai suggerimenti ricevuti l’area riservata è stata resa più semplice e più intuitiva nel suo utilizzo. Sarà così possibile sperimentare tutte le nuove funzionalità: dall’aggiornamento dei dati anagrafici dell’iscritto e dei propri familiari, alla richiesta di rimborso e molto altro ancora. Tutto questo mantenendo sempre un’estrema attenzione alla sicurezza e garantendo una totale riservatezza nell’accesso e nella gestione dei dati degli iscritti. Inoltre, per aiutare i nostri utenti nell’utilizzo dell’area abbiamo prodotto un video consultabile sul nostro sito in home page (pagina dedicata alle novità) o cliccando su www.assidai.it/novita-assidai-2018/.

Cosa cambia per i convenzionamenti diretti?

Il network non sarà più quello di Previmedical. Insieme a Generali Italia abbiamo puntato alla costituzione di un network esclusivo riservato agli iscritti Assidai. Il nostro target è quello di riuscire a convenzionare tutte le strutture già convenzionate con il Fasi. Ovviamente nella prima parte dell’anno il numero delle strutture potrà risultare inferiore alle attese, così come le strutture stesse dovranno abituarsi alle nuove procedure ma, contiamo che la situazione possa essere messa a regime entro la prima metà dell’anno.

Sulla base di queste novità per gli iscritti Fasi e Assidai diventa tutto più semplice: si potrà infatti attivare il convenzionamento verificando direttamente che le strutture siano convenzionate sia con Assidai sia con il Fasi e indicando alle stesse che si è iscritti ai due fondi sanitari.

Per tutti gli altri assistiti, invece, una volta verificato che la struttura sia convenzionata Assidai, sarà sufficiente contattare dall’Italia il nuovo Numero Verde 800 855 888 e dall’estero il numero +39 02 67398752 con un preavviso di almeno 5 giorni lavorativi per le prestazioni ospedaliere e ambulatoriali e di 2 giorni lavorativi per le prestazioni extraospedaliere.

Per concludere, c’è un messaggio che vuole mandare agli iscritti per il 2018?

Il nuovo anno è iniziato con molti cambiamenti (nuove compagnie di assicurazione, nuovi convenzionamenti diretti e nuove aree riservate) che, almeno nei primi mesi, potranno causare dei disservizi. Per questo colgo l’occasione per scusarmi in anticipo con tutti gli iscritti ma, al tempo stesso, sono convinto che le modifiche introdotte porteranno, a regime, degli indubbi vantaggi per gli iscritti stessi.

Presentazione della nuova area riservata

Tra le novità del 2018 di Assidai ce n’è una particolarmente interessante che riguarda gli iscritti. Si tratta della nuova area riservata, che è stata rivista e migliorata non soltanto in termini di grafica ma soprattutto tecnicamente, in modo da rendere più efficienti i canali di comunicazione tra Assidai e i suoi assistiti. In quest’ottica, questi ultimi potranno accedere all’area riservata del Fondo non solo dal proprio personal computer ma anche da tablet e smartphone (tutte le aree, infatti, sono responsive).

Vediamo ora nel dettaglio quali sono le novità.

Gli iscritti, collegandosi alla nuova area riservata potranno aggiornare i propri dati anagrafici, inserire le pratiche di richiesta di rimborso, verificarne lo stato, scaricare la modulistica e comunicare con il Fondo per richiedere informazioni. Con un semplice click si potranno tenere sotto controllo le richieste di rimborso inviate e il loro stato di lavorazione. In buona sostanza, ciascun iscritto potrà sfruttare un nuovo e più efficiente canale di comunicazione con Assidai.

Le stesse funzionalità sono a disposizione delle Associazioni Territoriali Federmanager che potranno accedere ai servizi riservati all’iscritto (come inviare pratiche online etc.), consultare i Piani Sanitari Assidai e comunicare con il Fondo così da seguire gli iscritti nel migliore dei modi e dare tutte le informazioni necessarie.

Profilo

La gestione della tua area riservata è a portata di click: puoi visualizzare i tuoi dati anagrafici, le ultime comunicazioni e le prestazioni erogate.

Pc, tablet e smartphone

Interfaccia più veloce e intuitiva. Puoi fruire di tutti i servizi e monitorare costantemente le tue richieste oltre che da PC anche da smartphone e tablet

Invio pratiche online

La gestione delle pratiche è ancora più immediata, grazie alla nuova interfaccia della sezione “Prestazioni-invio nuova pratica”.

 

Un nuovo modo di interagire

Da oggi comunicare con Assidai è ancora più semplice! Nella tua area riservata c’è tutto ciò di cui hai bisogno per:

  • Aggiornare costantemente i tuoi dati
  • Tenere sotto controllo la situazione contributiva
  • Stampare la modulistica personalizzata in base alle tue esigenze
  • Inviare le richieste di rimborso per le spese mediche e monitorarne lo stato di avanzamento
  • Cercare le strutture convenzionate
  • Comunicare con Assidai