1990

1990

Assidai viene costituito da Federmanager (il cui acronimo all’epoca era FNDAI) e da Federmanager Roma (denominata allora Sindacato Romano) con l’intento di fornire ai propri iscritti la possibilità d’integrare ulteriormente le prestazioni erogate dal Fasi (Fondo di assistenza sanitaria integrativa contrattuale per i dirigenti di aziende produttrici di beni e servizi) o da altri Fondi o Casse Aziendali. Nell’anno della sua fondazione Assidai prevedeva solo tre piani sanitari dedicati ai dirigenti e alle loro famiglie. Dopo un anno di attività gli iscritti al Fondo erano 9.000.

5

1993

Il Fondo di assistenza sanitaria inizia a prendersi cura delle famiglie, introducendo un piano sanitario specifico per i figli che, a 26 anni, “perdevano” l’assistenza del Fasi. Il piano sanitario consentiva loro di estendere le tutele sanitarie fino a 30 anni. Alla fine del 1993 gli iscritti erano circa 18.000.

1995

Viene ideata  e distribuita a tutti gli iscritti la tessera di iscrizione al Fondo sanitario denominata Assidai card.

1996

Viene introdotta una importante novità: un piano sanitario per coloro che non fruiscono di alcun tipo di assistenza sanitaria integrativa e per coloro che perdono la possibilità di mantenere l’iscrizione al Fasi o altro fondo analogo.

1997

Momento storico che permise la vera espansione del Fondo: nascono i piani sanitari aziendali, riservati ai dirigenti di una stessa azienda.

Si prolunga fino a 35 anni la fruibilità del piano sanitario riservato ai figli che perdono l’assistenza del FASI o di altri fondi di assistenza sanitaria.

1998

Si estende la possibilità di iscrizione al Piano Sanitario Familiari per i conviventi e la possibilità di iscrivere eventualmente il figlio invalido nel proprio nucleo familiare, anche oltre i 26 anni. Alla fine del 1998 gli iscritti sono quasi 30.000.

2000

2000

Viene effettuata una revisione e successiva implementazione di tutti i piani di assistenza sanitaria.

2001

E’ prolungata fino a 37 anni la possibilità d’iscrizione riservata ai figli che perdono l’assistenza del Fasi o altri fondi di assistenza sanitaria. Si estende al figlio sposato la possibilità di iscrivere il proprio nucleo familiare.

2002

Altra svolta storica che ha permesso al Fondo sanitario di ampliareil numero degli assistiti riducendo contemporaneamente l’età media degli iscritti: si aprono le iscrizioni anche ai quadri e ai consulenti aziendali, iscritti ad Associazioni di categoria con le quali Federmanager o CIDA (Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità) abbiano sottoscritto accordi che prevedano l’iscrizione ad Assidai.

2003

 Gli iscritti al Fondo di Assistenza Sanitaria sono 37.000

6

2004

Viene introdotto il piano sanitario denominato “Single”, riservato ai dirigenti che non abbiano superato i 51 anni di età e il cui nucleo familiare sia composto unicamente dagli stessi dirigenti.

Si prolunga fino a 41 anni la possibilità d’iscrizione riservata ai figli che perdono l’assistenza del Fasi o altri fondi di assistenza sanitaria.

2005

Viene aggiornata l’immagine del Fondo di assistenza sanitaria integrativa con il restyling del logo. Si modificano le denominazioni dei piani sanitari e gli stessi vengono aggiornati e migliorati prevedendo nuove prestazioni a favore degli iscritti.

2007

Si prolunga fino a 45 anni la fruibilità del piano sanitario riservato ai figli che perdono l’assistenza del Fasi o di altri fondi di assistenza sanitaria integrativa. Assidai raggiunge il tetto di 43.000 iscritti.

2010

Caucasian grandfather and grandson using digital tablet

2010

 Viene istituita l’Anagrafe dei Fondi Sanitari di cui ai Decreti del Ministero della Salute del 31 marzo 2008 e del 27 ottobre 2009. La stessa istituisce e riconosce ai fondi di assistenza sanitaria integrativa maggior peso all’interno del welfare italiano. Assidai procede subito con l’iscrizione all’Anagrafe Fondi e, pur non essendo richiesto a livello normativo, stabilisce di certificare annualmente su base volontaria il proprio bilancio ritenendo valori fondamentali l’eticità e la trasparenza verso i propri iscritti e tutti gli altri stakeholder.

2011

Assidai nel contesto del secondo welfare risponde ad una delle esigenze sanitarie più urgenti nel nostro paese: l’assistenza alle persone non autosufficienti e introduce la Long Term Care nei piani sanitari. Sviluppa, inoltre, il nuovo piano sanitario “Extra” che prevede, tra l’altro, per la prima volta nella storia del Fondo di assistenza sanitaria, prestazioni odontoiatriche offerte anche su piani sanitari dedicati alle persone e non solo alle aziende.

Ottiene la certificazione del sistema di gestione della qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001: 2008, rilasciata da DNV-GL.

assidai_card

2012

Il Fondo di assistenza sanitaria sviluppa nuovi sistemi informatici per garantire servizi sempre più efficienti ai propri iscritti, si dota di ulteriori processi interni di controllo e analisi e offre prestazioni sempre più in linea con i bisogni delle persone assistite.

2014

Implementazione del servizio online di invio della richiesta di rimborso direttamente dal proprio computer riducendo i costi e velocizzando i tempi di rimborso delle spese medico-sanitarie sostenute. Continua a rafforzare il proprio profilo digitale attraverso il lancio dell’App Assidai, resa disponibile gratuitamente sulle piattaforme Apple e Android, offrendo la possibilità agli iscritti di accedere tramite smartphone e tablet.

Inoltre il Fondo sanitario si dota di un Codice Etico e di Comportamento.

La App di Assidai

4

2015

 Assidai celebra 25 anni con un evento istituzionale presso la Camera dei Deputati.

In termini di prestazioni rilevante l’estensione della copertura Long Term Care (LTC) per le persone non autosufficienti anche al coniuge o al convivente more uxorio, senza alcun aggravio di costi per gli iscritti.

I nuclei familiari iscritti sono oltre 53.000.